Categoria: LEGGERE
ASCANIO CELESTINI, RADIO CLANDESTINA
Ascanio Celestini, Radio Clandestina. Memoria delle Fosse Ardeatine, Einaudi 2020, pp. 66

Testo del monologo di Ascanio Celestini sulla strage delle Fosse Ardeatine, con una prefazione di Alessandro Portelli e una nota di Mario Martone.

Celestini non racconta la strage, o meglio, la racconta, ma attraverso i ricordi delle persone.
Come ha dimostrato Portelli nel suo "L'ordine è già stato eseguito" (Donzelli 1999) quella della Fosse Ardeatine non è stata solo una strage nazista e fascista ma anche una manipolazione della memoria.
Celestini ha scritto e recitato questo monologo non tanto per mettere in luce tutto questo, quanto per ricordare tutte quelle persone che non hanno un posto nei libri di storia ma "che la storia vorrebbero impararla nei libri e invece arriva un momento che gli si rovescia addosso".
Non a caso titola la breve nota che premette al suo monologo "Lo scandalo della memoria".
Mi pare un caso interessante di "spettacolarizzazione" della memoria, piuttosto che della storia; diventandone, tuttavia, un importante contributo alla sua realizzazione.